E3 2018: Le conferenze Microsoft e Bethesda

Conferenza Microsoft: 10 giugno alle 22:00
Non c’è fiducia nell’aria, lo sento. Gli ultimi anni sono stati così deludenti che oggi Mattarella ha detto sì pure a Savona sul palco, basta che ci sia qualcosa. Spencer promette 15 anteprime mondiali per questa sera, sembra il programma del cinema Odeon. Si parte con Halo Infinite, per toccarla piano, e la conferenza deve essere sospesa 12 minuti per la marea di liquido seminale che colpisce Phil Spencer. Parla di 50 giochi e 18 esclusive ma c’ha chiaramente la faccia di uno che non riesce più a tenerlo nei pantaloni. Il seguito di Ori sembra ancora meraviglioso ma uscirà nel 2019. La prima world premiere è Sekiro di From Softare che strappa consensi. Todd Howard mostra il nuovo Fallout 76 ma ancora non possiamo sapere di cosa si tratta esattamente. Captain Spirit sarà gratis dal 26 giugno ed avrà a che fare con Life is Strange 2. Credo almeno, arriva subito prima di Crackdown 3 e la corda al collo mi stringe troppo. Febbraio 2019, se proprio devono. Anche Nier Automata arriva su Xbox il 26 giugno, per Metro Exodus bisognerà aspettare il 23/02/19. Quello che si vede è in game e pure parecchio impressive. Spencer gongola ancora, poi lancia il nuovo trailer di Kingdom Hearts 3 con pure Frozen. Oh, qui lo nego, comincia ad interessarmi: 29 gennaio 2019. Vengono presentati i nuovi contenuti di Sea of Thieves e comincio a credere che le 18 esclusive siano nella storia di Xbox. Della campagna di Battlefield V si vergognano pure nel trailer, Forza Horizon 4 sarà ambientnato in Inghilterra e avrà il clima dinamico. Sembra splendido ma non avevo dubbi. Uscirà il 2 ottobre e sarà incluso nel Game Pass. The Initiative è la dimostrazione che Microsoft vuole ancora realizzare esclusive… e ha fatto bene a dircelo dopo l’anno scorso. 5 studi entrano nel gruppo di sviluppo Microsoft, non si sa bene a che titolo. We Happy Few arriva il 10 agosto, PUBG arriva… vabbè, fa finta di arrivare di nuovo, non so che dire. Tales of Vesperia non cambierà il mondo, non in bene almeno. The Division 2 sarà ambientato a Washington e si vede anche tanta natura in game. Tanta roba per chi ha amato il primo: 15 marzo 2019. Dopo un momento di auto celebrazione di Xbox Game Pass si passa a un medley di roba minore, si intravedono anche molti giochi interessanti. Lara Croft sembra parecchio incazzata ma ci credo pochissimo. Session dovrebbe colmare la mancanza di Skate 4, di Black Desert frega una mazza. Devil May Cry 5 delizioso, protagonista Nero. Primavera 2019. Il nuovo DLC di Cuphead arriverà nel 2019, Tunic continua a sembrare meraviglioso. Bandai-Namco mostra per la prima volta Jump-Force con tanti personaggi famosi di anime, arriverà nel 2019. Dying Light 2 viene su benone, tecnicamente di sicuro. Arriva anche il nuovo Battletoads, una grande notizia per chi sa cosa sia il vecchio. Non si vede nulla comunque. Just Cause 4 pure basta ma arriva già il 4 dicembre. Gears POP (giuro) non so cosa sia, poi viene presentato Gears Tactics ma niente paura, arriva pure Gears 5. Sembra molto più ispirato del quarto episodio, voglio crederci nel 2019. Ancora un pippotto di Spencer e si chiude con Cyberpunk. Una grande conferenza di videogiochi, non poi così tanto per Microsoft.
Voto 9

 

Conferenza Bethesda: 11 giugno alle 03:30
Non importa quando bene Bethesda faccia all’E3, in ogni caso per vedere 2 copie le tocca tirare fuori l’ennesima versione di Skyrim. All’inizio ci presentano i dipendenti della compagnia. Un bel momento ma tenete presente che i giochi Bethesda, a giudicare dalle vendite, non se li sono comprati neanche loro. L’anno scorso hanno ricevuto delle grandi recensioni, dicono, quest’anno magari fatevi i cazzi vostri. Un tossico irrompe sul palco per annunciare Rage 2 suonando a più non posso. Non ho ben capito il senso del tutto, ma era comunque meglio della conferenza EA. Dieci minuti di silenzi imbarazzati poi e finalmente vediamo del gameplay. Non mi aspettavo molto e me l’hanno venduto. Primavera 2019. Legends, il gioco di carte, si può scaricare subito da qualche parte ma pure sticazzi. Qualcuno regala qualche pompino alla community, a se stesso, e nel mentre la % di applausi per parola supera la soglia di tolleranza. Si parla di TES Online e delle sue espansioni nel mentre. Arriva Doom Eternal ma non verrà mostrato prima del Quakecon. A Quake Champions non hanno ancora staccato la spina, il tanto atteso DLC di Prey è una sorta di modalità survival sulla luna. Prey Mooncrash è disponibile da subito. Wolfenstein: Youngblood sarà ambientato negli anni ottanta a Parigi con le figlie del protagonista. 2019 pure lui. Qualcosa inV R arriverà sempre per Wolfenstein… ma perché farlo vedere in conferenza? Parte la super gag per scherzare sulle mille versioni di Skyrim, poi si passa finalmente a Fallout 76. Si rivede quanto visto in conferenza Microsoft e poco altro. Si gioca anche in singolo ma sarà possibile incontrare gli altri giocatori. Grande spazio alle costruzioni ma bhò, mi sembra la versione sfighè di un Destiny like. Out il 14 novembre 2018. Fallout Shelter arriverà su PS4 e su Switch… bucio di culo. Out adesso. Annunciano pure un Elder Scroll per mobile: Blades. Sembra decente ma pure no. Chiudono con l’annuncio next gen di Starfield, un nuovo franchise, e di The Elder Scroll VI. Aspettare gente, aspettare. Male per i giochi, e avevano Doom 2, spettacolo terrificante.
Voto: 5

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.