Star Trek: Discovery – 6a puntata: “Lethe”

Sulla Discovery è finalmente tempo di relax. Tilly e Burnham si danno alla corsa, mentre Lorca e Tyler si dilettano a sparare ai klingon in una sorta di ponte ologrammi ante litteram, sulla cui plausibilità in termini di continuity non provo nemmeno a indagare. Il capitano sembra avere i suoi buoni motivi per non fidarsi del tutto del nuovo arrivato (che potrebbe essere tranquillamente una spia), ma questo non gli impedisce di nominarlo comunque Capo della sicurezza. Come si fa carriera sulla Discovery non si fa carriera da nessuna altra parte. Nel mentre, scopriamo che Sarek è impegnato in una segretissima missione diplomatica, che però sembra aver attirato l’attenzione di un gruppo di vulcaniani fanatici. Quale migliore occasione per provare a fare secco il papà di Spock con un attentato kamikaze? Ma tutto in maniera molto distaccata, sia chiaro.

Screenshot 2017-10-26 13.47.07
Best faccia ever. E sì, faccio ammenda, pure Tilly inizia a piacermi.

Nella sequenza successiva Burnham riesce nel miracolo di infilare due scene consecutive senza apparire come un’insopportabile saputella con una scopa nel sedere. Scherzi a parte, la sequenza in mensa è molto carina, ma viene interrotta bruscamente quando il “legame mentale” che collega Burnham a Sarek le fa capire che quest’ultimo è in pericolo di vita. “Come è possibile, non sei una vulcaniana?”, le chiede Lorca, dando finalmente voce alla domanda di centinaia di fan della saga. La Federazione conferma al capitano che Sarek è dato per disperso nel corso di un’importante missione con lo scopo di aprire una trattativa di pace con i klingon. E allora Lorca decide di fare ancora una volta di testa propria e lanciarsi al salvataggio. Anche perché Burnham ha già ideato un sistema sarcazzotecnologico per entrare nella memoria di Sarek a distanza sfruttando il loro legame. E lo ha fatto mentre risolveva dieci schemi di parole crociate per risolutori molto abili contemporaneamente. “Sta bene, sorella,” approva uno Stamets stranamente su di giri.

Screenshot 2017-10-26 13.53.58
“Cioè, guarda, è un’idea cosmica una cifra proprio…”

Ma l’ammiraglio Cornwell sembra averne avuto abbastanza di Lorca e delle sue bravate, nonostante per ora tutte le missioni della Discovery si siano risolte in un successo. Decide addirittura di venire a bordo della nave, a quanto pare per parlare a quattr’occhi con un vecchio amico di cui non sa se potersi fidare. Amico “con privilegi”, a quanto pare, visto che dopo qualche bicchierino i due finiscono a letto. Ma quando Cornwell scopre che Lorca si porta a letto anche un phaser, decide che è giunto il momento di togliergli il comando. “Mi piace praticare il sesso protetto” non funziona, come spiegazione. E inoltre ci sarebbe quella questione dei test psicologici, i cui risultati Lorca avrebbe falsato. In tutta onestà, che il capitano abbia qualche problemino psicologico non mi pare strano, dopo essere stato prigioniero dei klingon.

Screenshot 2017-10-26 14.15.02
“OK, non stavi russando, mi sono sbagliata!”

Nel mentre, dopo le iniziali difficoltà, Burnham riesce finalmente a fare breccia nella mente di Sarek, scoprendo in lui un profondo senso di vergogna per averle preferito Spock per l’ammissione in un’importante accademia vulcaniana o qualcosa del genere. I due avranno sicuramente occasione di riparlarne, ma per adesso Sarek è salvo. Ma non in condizioni per proseguire nella missione diplomatica. Da cui l’idea geniale: mandarci l’ammiraglio Cornwell al suo posto. Essendo i klingon di Discovery dei manigoldi senza alcun onore, la spedizione diplomatica finisce malissimo, e Cornwell viene fatta prigioniera. E quando Saru chiede a Lorca se intende lanciarsi al salvataggio, il capitano decide a sorpresa di attenersi per una volta al regolamento e attendere ordini diretti. Chiudiamo con un’altra scena carina tra Burnham e Tyler e la scoperta che Lorca il phaser se lo porta dietro a prescindere, che non si sa mai.

Screenshot 2017-10-26 14.23.05
“Sorridere non provoca la morte? Perché nessuno mi dice le cose?”

Orbene, devo ammettere di aver apprezzato più di un momento di questa puntata, non foss’altro che gli autori sembrano essersi ricordati che uno dei punti forti di Star Trek sono i rapporti tra i protagonisti e la loro evoluzione. Burnham è apparsa un personaggio potenzialmente piacevole in almeno un paio di scene e visto i precedenti non è poco. Certo, resta una saputella che ha sempre la soluzione pronta a qualsiasi problema, ma di quell’aspetto tocca farsene una ragione, evidentemente. Ho apprezzato anche che il capitano si sia comportato in un paio di occasioni come un… capitano. Mostrandosi cioè un minimo protettivo nei confronti dell’equipaggio. Le scene con Cornwell mi hanno convinto a metà (questa si è fatta non si sa quanti anni luce di viaggio per salire sulla Discovery allo scopo di tirare le orecchie a Lorca, trovandosi poi convenientemente in zona per prendere il posto di Sarek), ma nel complesso l’evoluzione del personaggio mi sta piacendo. Insomma, dal punto di vista della “vita a bordo”, mi è sembrato l’episodio migliore. Poi ho scoperto che uno degli autori è Joe Menosky, a cui si deve la leggendaria “Darmok” di The Next Generation. Speriamo non sia un caso isolato. Simpatica pure la breve apparizione di Stamets, sufficiente a rinfocolare i dubbi sulle sue condizioni mentali dopo i fatti dell’episodio precedente. Tra i punti negativi segnalerei i “fanatici della logica” vulcaniani, che mi sono sembrati una trovata facilona e poco plausibile, e in generale l’eccesso di “magia vulcaniana” che è il motore di buona parte dell’episodio. Certo, in passato abbiamo accettato che Spock venisse resuscitato dopo avere trasmesso la sua “anima” nella capoccia di McCoy, ma lì c’era pure di mezzo il progetto Genesi e comunque non avveniva tutto a distanze siderali. Pure gli effetti mi sono sembrati pacchiani. Bon, confermato il leggero trend positivo della scrittura, non posso che ribadire il mio “vediamo dove vanno a parare”.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...