Serie Seguendole: Master of Silicone

A inizio settembre inizia la 21 di South Park (arriveranno i resoconti di ogni singolo episodio ovviamente) e un altro quartetto di serie di cui parlare oltre questo di oggi è già pronto sui blocchi, dai che mi sto mettendo in pari con tutto.

Silicon Valley 4
Continua a far ridere, continua a sembrare un progetto molto poco HBO in generale, ma le idee cominciano anche a venir meno e di certo non si può andare avanti all’infinito con la stessa formula e gli stessi identici personaggi. Ripeto, gradevole, ma o svecchiano ADESSO o finiscono in vacca.

 

Master of None: Stagione 2 – Episodi 01-03
Ho visto i primi due episodi e volevo uccidere il protagonista con le sue battutine in italiano  e con gli attori della strada raccatta nel nostro bel paese. Una roba totalmente non in linea con la prima stagione e assolutamente non divertente se non si impazzisce a sentir pronunciare parole in una lingua diversa. Tornati in USA le cosa vanno meglio ma ora odio il personaggio e sono mesi che non riesco più ad avvicinarmi a Netflix per colpa sua. C’erano sicuramente modi migliori per farsi una vacanza in Italia a sbafo.

Veep 6
Perché questa serie non sia acclamata dalle folle lo sa solo Dio. Cioè lo so, perché di norma le folle perdono tempo dietro a zozzeria più facilotta come Big Bang Theory ma Veep, dopo una quinta stagione più mosciarella devo dire, ha rialzato il ritmo con una serie invece meravigliosa e ancora parecchio intelligente e che si può guardare con occhi forse diversi da quando Trump è Presidente degli Stati Uniti d’America. A livello di satira South Park è più feroce ma Veep spara con un fucile da cecchino mirando dritto negli occhi alle storture del sistema politico americano e lo fa strappando risate. Meraviglioso.

 

Fargo 3
A me questa serie continua a piacere molto, a parte gli alieni della seconda stagione che proprio non ho mai capito/digerito. Qui se la giocano un po’ diversamente dal solito, il cattivo lo è in un modo tutto suo, e la tensione ne viene meno sicuramente ma la prestazione di Ewan McGregor è mastodontica nel suo doppio ruolo e in qualche modo il tutto rimane comunque ben collegato e ritmato. Un paio di schifezze le avrei evitate, non sono convinto che la bulimia fosse così necessaria alla narrazione ecco, ma ho parecchio apprezzato il finale alla Soprano.

Game of Thrones 6: Stagione 6 – Episodi 01-06
Solo due parole che tanto ne parlano tutti. Non ho mai pensato che si tratti di alta televisione ma di godevole intrattenimento impreziosito da qualche bello scambio dialettico sì. Ho sempre pensato che alcune critiche, tipo quelle ai salti temporali, siano state troppo severe ma l’episodio 06 no, non posso perdonarlo. Alcune cose brutte ci sono sempre state, è pacifico che in una serie con tante linee narrative ce ne siano alcune meno riuscite o che semplicemente risultino più o meno gradite ma non avevo mai storto la bocca disgustato come invece mi è capitato di fare almeno 2/3 volte in questo sesto episodio. Stanno chiudendo in fretta, troppo in fretta sicuramente, ma è certo un bene che non si vada troppo avanti negli anni se è questa la deriva.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...