ER CARCIO: 30° GIORNATA 2016/17

Premessa d’obbligo che il mondo è pieno di imbecilli: sono un tifoso della Lazio, odio la Roma (calcisticamente parlando) ma ne parlo volentieri perché neanche considero veri tifosi quelli che non gufano ogni allenamento dei cugini (vale per ambo le parti ovviamente). Qui si parla del campionato delle romane, anche sfottendo quando possibile, perché il calcio è la più importante delle cose inutili ma ci si può scherzare sopra. I permalosi si astengano dal leggere, grazie.

30° giornata 2016/17
Avevo deciso di abbandonare per sempre questa rubrica, lo ammetto. Poco di interessante da dire, poca la gente ad ascoltare… almeno così credevo. Invece una folla inferocita di 5 persone su TFP (un milione per la questura) mi ha spinto a continuare almeno fino al termine del campionato e io a quella gente brutta gli voglio bene e glielo devo in qualche modo. In realtà, ma questo non diteglielo mai, mi hanno convinto più le due modelle polacche che mi hanno bussato alla porta e hanno cominciato a succhiarmelo con il solo scopo di farmi tornare a scrivere di Roma e Lazio. E dunque così sia, fino alla fine di questo campionato e poi vediamo.

(Lazio-Torino 3-1) (Cagliari-Lazio 0-0)
Sassuolo- Lazio  1-2
Non partiamo benissimo, neanche sapevo che la Lazio giocasse di sabato pomeriggio e me ne sono accorto solo grazie a twitter che mi allungava un risultato. Capita nei tempi del calcio spezzatino. Strakosha dimostra di essere solo un giovinastro procurando un rigore evitabilissimo e per qualche minuto la Lazio accusa persino un calo rischiando addirittura il raddoppio. Raggiunto il pareggio, però, potrebbe addirittura ribaltare il punteggio persino prima dello scadere del tempo. Nella ripresa è padrona del campo ma poco incisiva e concede qualcosa al Sassuolo (anche troppo direi) solo dopo essersi portata giustamente in vantaggio in modo fortunoso. Si segnala Hoedt furioso per la sostituzione e che a mio avviso sarebbe più utile alla causa come concime per l’erba di Formello. Mi piacciono i giocatori che si arrabbiano per la sostituzione, dimostrano di tenerci, mi piacciano meno quelli che si arrabbiano e che invece dovrebbero fare i panettieri.

 

 

(Palermo-Roma 0-3) – (Roma- Sassuolo 3-1)
Roma – Empoli 2-o
Roma bruttina, forse con la testa più al ritorno di Coppa Italia che Spalletti definisce una ciliegina ma che è chiaramente molto di più per loro, ma che comunque raggiunge il massimo risultato con il minimo sforzo. Un brutto errore arbitrale all’inizio condiziona l’andamento della gara ma faccio fatica a credere che la Roma non avrebbe avuto la forza di rimontare questo inguardabile Emboli con tutto quel tempo a disposizione. La Juve è lontana, il secondo posto al sicuro, non credo ci sia più spazio per grossi tracolli stagionali.


 

 

Roma 68 – Lazio 60