Maria Teresa Lonetti: Acqua e Fuoco

Spazio a Marco Pecci con intervista alla cantautrice calabrese Maria Teresa Lonetti vincitrice del Premio Manente.

MP:  Hai da poco registrato tre brani che ho potuto ascoltare in anteprima, andando ai tuoi lavori precedenti trovo che ci sia un certa differenza di arrangiamenti e approccio. Prima eri vicina al combat folk ora hai un suono più originale e caratteristico. Come mai questo cambiamento, qual’é il tuo percorso?

MTL: Il cambiamento è stato naturale ed improvviso e mi fa piacere che si ” senta”. Man mano che ho scritto le canzoni, mi sono ritrovata come ad un punto di partenza…E per partenza intendo le mie origini vere, quelle piu’ autentiche e nascoste che forse, avevo cercato prima nei miei lavori ma che si sono manifestate poi col tempo. Credo che questo arrivi quando il percorso è più ampio e quando non hai fretta di “trovare” per forza quel qualcosa che ti rappresenti. Cosi è stato, al momento giusto sono state le radici a trovarmi ed a insinuarsi piacevolmente nelle canzoni.

Ho sentito che le tradizioni sono molto presenti nella tua musica, puoi parlarcene?
Si è cosi. Per tradizioni non intendo sempre e soltanto le mie ” origini” calabresi. Quello che ricerco delle tradizioni sono tutti i momenti inglobati da quando sono piccola. Quando, per esempio, assistevo a serenate popolari, o alle canzoni antiche che mia nonna mi cantava e delle quali mi raccontava…Compagnie canore per lei e per le sue amiche durante giornate di duro lavoro in campagna sotto il sole e descritte come una fonte preziosa di dignità…Tutti ingredienti che da ragazza non potevo capire ma che ho assorbito. Queste per me, sono tradizioni. Gli ideali di un vissuto, di un tempo, che ho avuto la fortuna di vivere in un tempo parallelo al mio.

e525b5f4a7-pagine attrici-maria teresa lonetti-mariateresalonetti4.jpg
Maria Teresa Lonetti

Canti con Eugenio Bennato, sono sempre stato un fan del suo Che il Mediterraneo sia.
Come nasce questa collaborazione? Avete scritto delle canzoni insieme?
Si, Eugenio è un grande Musicista, cantautore e soprattutto una grande persona. La collaborazione nasce nel modo migliore, ossia con molta semplicita’. Gli mandai una mail con il video della mia canzone “Terra d’acqua e focu” e presentandomi. Lui rimase colpito e mi diede il suo telefono. Cosi lo chiamai e ci incontrammo. Da questo, una grande fortuna per me aver potuto seguire i suoi consigli e imparare davvero da una persona come lui. Niente è scontato, nè lo studio, nè l’ascolto e soprattutto, l’umiltà, sempre. Abbiamo tradotto insieme una mia canzone dal dialetto all’Italiano ed ha curato la Direzione Artistica di alcuni miei lavori. Tra questo il singolo “Spera”, di cui si può vedere il video ed ascoltare il brano, su youtube.
In uscita a breve, il video del secondo brano, sempre con la sua collaborazione, dal titolo “Voglio u Sud”.

E riguardo il tuo lavoro in studio con Sidiki Camara, un gigante che ricordo da un disco molto bello di Bill Frisell?
Che dire….Un’altra fortuna grandissima. E’ incredibile vedere come musicisti del calibro di Sidiki, abbiano la magia di ascoltare un tuo brano e trovare le sfumatore più nascoste ed originali. Un musicista che ha una attenzione incredibile, che non si lascia sfuggire niente ma che vede attraverso le tue sonorità, il tuo mondo musicale e lo arricchisce con una competenza che affina tutto, sino ad arrivare ad un risultato che, ti lascia a bocca aperta…come una magia, ma vera!

sidiki04.JPG
Sidiki Camara

Cosa pensi del fenomeno della Taranta che si é esteso in diversi confini regionali.
E’ una moda o c’é un contenuto storico e tradizionale reale?
La taranta ha un contenuto storico importantissimo e con origini lontane. Purtroppo, come in tutte le cose, quando vengono inflazionate da un significato “puerile”, la storia cambia e può succedere che diventi una moda e che la maggior parte delle persone non abbia la minima consapevolezza di cosa realmente rappresenti. Eugenio in questo senso ha fatto davvero un grandissimo lavoro. Ha dato un’immagine di una realtà che rappresenta delle verità, che narra di storia, di trascorsi di vita difficili combattuti con la musica, perchè unico mezzo di espressione libera a disposizione di tutti e , non riducendola quindi, ad un semplice giro di accordi suonati a caso per fare ” caciara” durante le feste di paese.

14183721_1342731115767199_8953134994082778378_n.jpg
Maria Teresa Lonetti Live

 

– Quali sono i tuoi piani futuri, ti vedremo in tournée?

Ho alcuni concerti a Barcellona. Uno il 21 Giugno presso l’Istituto di Cultura Italiano a e dopo il 24 Giugno, suonero’ insieme ad Eugenio,alcune mie composizioni, nel suo concerto in Placa de Espanya a Barcellona sempre.
Ho in programma altri concerti in talia, in Aprile. quindi  all’estero.

1420965541380.jpg--.jpg
Eugenio Bennato

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...