Sanremo 2017: Quarta serata

Rieccomi dopo un giorno di pausa. Ma non temete, ieri sera sono tornato appena in tempo per l’esibizione di Clementino quindi ho pagato il mio debito con la giustizia. Ma tipo che pure Equitalia ti fa uno sconto se ammetti di averlo ascoltato. Prima di cominciare si intravede il premio Tim Music, chissà se questo verrebbe a ritirarlo Bob Dylan. Conti sale sul palco direttamente con i 4 giovani finalisti: La Macchia, Lele, Maldestro, Guasti. L’ultimo lo sopporto meglio ma in generale queste nuove proposte sono così anonime che l’hanno prossimo concorreranno nella categoria “cazzate dell’anno scorso”. Pure per Conti il Festival comincia dopo averli ascoltati, in pratica li considera quanto la sigla dell’eurovisione.

Due ballerini giocano con le luci poi pure Maria De Filippi si decide ad arrivare. Ha un vestito molto bello ma stava meglio addosso a Darth Vader. Prova a parlare con dei denti finti ma fa più ridere quando presenta Ron. Dopo tre sere comincio ad apprezzare la canzone di Chiara, deve essere la sindrome di Stoccolma. Samuel non fa per me, Al Bano strappa applausi al pubblico ma stanno solo cercando di coprirlo. È il momento di nonno coraggio. No, un altro. Gli viene da piangere tutto il tempo, ma vorrei vedere voi dopo una canzone di Al Bano. Al nipote chiedono quale sia la sua canzone preferita di Sanremo ma lui non ha nessuna intenzione di vedere ancora la morte in faccia.

1

 

La canzone di Ermal Meta parla di violenza domestica, solo non su di lui. Non sono un suo fan ma sul palco ci sa stare e la canzone… ma sa stare sul palco. Crozza non funziona a Sanremo, dispiace, ma prima o poi dovranno prenderne atto. Che poi non mi preoccupano le sue battute ma che un giorno sarà lui a guidare un movimento politico. Bravi mi piace ma temo che ascoltarlo sia perseguibile come pedofilia. Marika Pellegrinelli serve a spiegare perché i cantanti continuano ancora ad andare a Sanremo. La Mannoia è favoritissima e con il passare delle serate sembra pure meritarselo. La sua vittoria è così sicura che i bookmakers inglesi accettano scommesse solo sulla fiction di Fiorellino. Clementino non è poi così terribile dai, vedo il mondo con una prospettiva diversa dopo le gambe delle Pellegrinelli.

Marchettone per il nuovo programma della Clerici ma soprattutto standing ovation al suo arrivo. Spero solo che volessero prenderla per il culo come con Gabigol. Non è cattiva, ma riesce sempre a trasformare tutto in una seduta dal parrucchiere, una seduta dal parrucchiere con la Clerici tra l’altro. La Comello canta molto meglio questa sera, è anche più sciolta e convinta, peccato che le tette non abbiamo fatto altrettanto. Gigi D’Alessio piacerà alla sua gente, pochi cazzi, ma la sua canzone in termini musicali è catenaccio puro. Virginia Raffaele ci regala un momento simpatico imitando Sandra Milo anche se le ho visto interpretare personaggi migliori.

21

 

Doveroso saluto a Vessicchio in platea con la Parietti, al suo fianco, che riesce a salvare la stagione con un paio di inquadrature. La Turci se la cava alla grande anche stasera: brava, bella ed elegante. Marco Masini con un vestito rosso acceso, non crederanno che avete frenato all’ultimo per non averlo visto. Si ricordano le foibe e vince Lele perché non dobbiamo dimenticare. Fischi del pubblico per Gabbani ma è lo stesso pubblico che ha fatto una standing ovation alla Clerici e quindi in tribunale non valgono. Non mi piace troppo il ritornello ma è davvero intelligente per gran parte del testo.

Arriva il commissario Montalbano ma Clementino ha fatto in tempo a scappare. Zingaretti canta come un cane Vita Spericolata ma nessuno nota la differenza con Vasco. Zarillo c’ha una bella canzone ma di quelle che non te ne accorgi. La Atzei scoppia a piangere durante l’esibizione, pensa se fosse dalla nostra parte della TV. Aldo, Giovanni e Giacomo festeggiano i 25 anni di carriera, quale momento migliore per riproporre lo sketch di Kmer. L’omaggio a Giorgio Moroder è tanta roba, ma proprio tanta.

31

 

Sylvestre ha una gran voce ma la canzone l’ascolterei solo mentre mi taglio i capelli. Anche la canzone di Elodie mi piace molto ma non dovrebbe vestirsi come un letto a baldacchino. Moro orecchiabile, non epocale. Giusy Ferreri c’ha quella vocina da camionista polacco raffreddato che un pochino mi irrita sempre ma non riesco a odiarla. L’ultimo a cantare è Bernabei, serve a finire i superstiti. Quando ascolto Bernabei mi dispiace esista Spotify perché vorrei proprio non comprare un suo cd. Bernabei alle 00:40 ma sotto il tappeto lo nascondevi meglio.

Il riassunto sembra non finire mai. Mi passa tutta la vita davanti prima ancora di riascoltare Giusy Ferreri. L’ultimo ospite è DJ Robin Shultz ma è quasi l’una e ascoltare Zarillo conta come daspo dalle discoteche. Quattro gli eliminati che non accederanno alla finale: Giusy Ferreri, Ron, Al Bano e Gigi D’Alessio. Onestamente non mi lamento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...