South Park 20×10: troll forever

Lo ripeto a stagione finita: stavamo meglio prima. Avevano cominciato alla grande quest’anno, questo è vero, ma concentrarsi su pochi temi per dieci puntate finisce con smorzare la carica satirica e dirompente di South Park. Questa stagione ci consegna un Cartman molto diverso dal solito ma che lascia solo intravedere le possibilità di sviluppo del personaggio. Le trilogie riuscivano molto meglio e si potevano affrontare/perculare più questioni.

cattura423423423423423

 

South Park 20×10: The End of Serialization as We Know It
Heidi Turner, che è tanto intelligente e simpatica, è riuscita in qualche modo a creare una fonte di energia in grado di portare facilmente l’umanità su Marte. Cartman è però convinto che le spezzerà il cuore e prova a convincere tutti che il destino degli uomini (intesi come maschi) su Marte è un destino di schiavitù. Ma tipo che ti estraggono a forza il seme dai testicoli, roba così.

 cattura42342342342342



Kyle e Ike, sfuggiti dalle grida della madre infuriata (rinchiusa in uno sgabuzzino), convincono gli amici a riprendere lo sporco lavoro di ScacciaCagne42 (del padre insomma) e a trolleggiare su internet con la solita cattiveria e perfidia. Quando Sheila riesce a liberarsi scopre che può conoscere quanto fatto da Gerald sulla rete grazie a Troll Trace ma non ne ha il coraggio.

cattura42342342342342342

 

Al Pentagono, intanto, capiscono che l’unico modo per fermare Troll Trace è di usare la fonte di energia di SpaceX (e di Heidi) per aumentare l’effetto del troll selvaggio e distruggere così i server danesi. L’impresa riesce grazie anche a Cartman e Butters e internet viene bloccato mentre il CEO di Troll Trace viene sconfitto da Gerald in un durissimo scontro prima che la moglie possa scoprire le sue terribile azioni digitali.

cattura42342342442423

Tutto torna alla normalità quindi e un uomo viene intervistato dopo aver mandato la sua prima mail nella nuova internet. Una mail nella quale si è diverto a scrivere parolacce a un suo amico ovviamente. Quindi la lezione è: i troll vinceranno sempre su internet, rassegnatevi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...