Er Carcio: 2° giornata 2016/17

Premessa d’obbligo che il mondo è pieno di imbecilli: sono un tifoso della Lazio, odio la Roma (calcisticamente parlando) ma ne parlo volentieri perché neanche considero veri tifosi quelli che non gufano ogni allenamento dei cugini (vale per ambo le parti ovviamente). Qui si parla del campionato delle romane, anche sfottendo quando possibile, perché il calcio è la più importante delle cose inutili ma ci si può scherzare sopra. I permalosi si astengano dal leggere, grazie.

2° giornata 2016/17
Magari non tutti lo sanno, ma Falli da Dietro è ripartito ed è bene che lo ascoltiate:
http://vitoiuvara.podbean.com/e/falli-2a-giornata-1617/?token=6da335beee3cf97a85863ece85da9c4c

Lazio – Juventus 0-1
Dal mercato calma piatta, si registrano solo il rifiuto a venire alla Lazio di sbirulino e Tonino Capocolla detto er vetraro. Meglio in campo, dove una difesa quadrata e attenta è riuscita a non umiliarsi contro la Juventus e a concedere davvero poche occasioni da goal. Ci hanno messo poco a segnare quando hanno accelerato un minimo, va detto, ma un pareggio poteva persino non essere miracoloso per quanto si è visto. Un pareggio, dico, perché la coperta non è mai lunga abbastanza e in porta non ci siamo arrivati mai neanche con i lanci lunghi del portiere, avrebbero pure potuto chiudere la trequarti bianconera per lavori in corso e nessuno se ne sarebbe accorto davvero. Però l’umiltà, quando non stai allenando la grande Olanda, è un merito che riconosco agli allenatori e Inzaghi ha provato a fare l’unica cosa che poteva/doveva: non prenderne troppi. Con la stessa voglia di sabato, comunque, si perderà poco in campionato, con o senza sostituto degno di Candreva. Voglia che temo non sia comunque sufficiente per tornare in Europa senza un sostituto degno di Candreva.

2016-08-27T173728Z_1023445073_LR1EC8R1CY6WU_RTRMADP_3_SOCCER-ITALY-206-kyQB-U16094940111052G-620x349@Gazzetta-Web_articolo

 

Cagliari – Roma 2-2
È bastata una partita, quella con il Porto, per sgretolare tutte le certezze dell’ambiente giallorosso. Spalletti non è più un genio, la rosa non è più magicamente all’altezza, De Rossi ha smesso di essere capitan futuro e l’America sembra molto più vicina con le casse vuote e i mancati 35 milioni che dovranno essere recuperati nel mercato dell’anno prossimo. Tutto da buttare, però, non è e la Roma è ancora una squadra incredibile se le lasci campo, pure se dovremmo tutti capire che Dzeko no, non è un fenomeno. I dubbi veri arrivano dalla difesa che invece non è più una garanzia con Spalletti che sperimenta in cerca della formula magica ma che deve vedersela con i piedi non certo raffinati di Emerson e Jesus. Ma pure Paredes non è Pizarro (figuriamoci Totti) e manca qualcosa in mezzo al campo quando le difese proveranno a chiudersi (cosa che non ha fatto ieri il Cagliari) e non basterà lanciare a 1000 i tuoi uomini sulle fasce. Di sicuro è già dramma, non un buon segnale considerando che quest’anno non siamo neppure arrivati a settembre.

597188682-245-kn9-U160967477378G7B-620x349@Gazzetta-Web_articolo

 

 

Roma 4 – Lazio 3

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...