Er Carcio: 29° giornata 2015/16

Premessa d’obbligo che il mondo è pieno di imbecilli: sono un tifoso della Lazio, odio la Roma (calcisticamente parlando) ma ne parlo volentieri perché neanche considero veri tifosi quelli che non gufano ogni allenamento dei cugini (vale per ambo le parti ovviamente). Qui si parla del campionato delle romane, anche sfottendo quando possibile, perché il calcio è la più importante delle cose inutili ma ci si può scherzare sopra. I permalosi si astengano dal leggere, grazie.

29° giornata 2015/16

Udinese – Roma 1-2
Di buono c’è che, nonostante le otto vittorie consecutive, Napoli e Juventus sono ancora sufficientemente lontane e che il Real se l’è portata a casa in scioltezza per 4 pere a zero.  Di buono c’è che la Roma ha gettato alle ortiche un campionato che poteva (e probabilmente doveva) pure vincere e che il terzo posto non le garantirà chissà quali miracoli in fase di mercato. Il resto è dramma. Adesso la Roma è una squadra vera, forte, che impone il proprio gioco con chiunque, che fisicamente sta parecchio bene e che è guidata da un allenatore bravo e di personalità. Sulla carta Inter e Lazio (sob) sono squadre da asfaltare e non veri ostacoli, e non è detto che il Napoli sia davvero irraggiungibile. Chissà come sarebbe andata con Garcia esonerato (come giusto e inevitabile) a giugno invece che troppo tardi ma per fortuna a Roma ci piace vivere di rimpianti più che di soddisfazioni.

LAPR0452-163-kzy-U1401003020082zbB-620x349@Gazzetta-Web_articolo

 

 

Lazio – Atalanta 2-0
Di buono c’è che si è vinta una partita, che ogni tanto è carino regalarsi una soddisfazione, e che siamo salvi. Di buono c’è che allo stadio non c’è mai abbastanza gente per fischiare l’ennesima prestazione anonima e incolore e che giovedì potranno tentare di raggiungere i quarti di finale di Europa League senza scaricare eventuali colpe sulle contestazioni del pubblico. Il resto è dramma. Quarti di finale o meno, L’Europa League non è alla portata dei nostri difensori e una sgambata di novanta minuti c’è costata 3 morti, 12 feriti e 16 uomini a terra con i crampi. A Pioli manca solo il 5-5-5 di Canà per completare il giro ed è più facile vedere Madonne in campo che il Felipe Anderson incantevole dell’anno scorso. Passiamo il turno, evitiamo figure di merda colossali nel derby e sbrighiamoci ad archiviare questa stagione maledetta che è meglio. 

latalanta-perde-anche-con-la-lazioaffondata-da-una-doppietta-di-klose_424f76c2-e973-11e5-83d7-00ddea9190a4_700_455_big_story_linked_ima

 

 


Roma 59 – Lazio 41

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...