Sanremo 2016: Seconda Serata

Carlo Conti si bulla degli ascolti della prima sera: 11 milioni. Sanremo è come Berlusconi: non importa quante puttanate faccia, gli italiani saranno sempre con lui. Si inizia con la prima sfida tra giovani: Chiara Dello Jacovo contro Cecile. La prima ci prova con la ballatina semplice e ha già vinto senza che perdiamo tempo ad ascoltare tutte le altre. Cecile canta N.E.G.R.A. e nella presentazione parte mezzo pippone nel quale si capisce solo che siamo tutti di colore. Vallo a dire a quelle che mi porto a letto. Il testo è talmente banale che nemmeno Povia avrebbe fatto di meglio sul razzismo. Passa Chiara e non ho nulla da obiettare. Neanche Salvini credo. La seconda sfida è tra Irama e Ermal Meta. Irama ha due orecchini giganti alle orecchie e ci racconta tutta la sua vita, tipo che l’anno scorso all’asilo era un casino. Ermal Meta ha scritto canzoni anche per Emma e Patty Pravo, poi loro hanno deciso che in galera doveva andarci lui solo. Canzone a tratti non terribile ma cantata proprio male. Mi distraggo un secondo e non capisco chi passa ma sticazzi dai, non frega niente né a me né a voi.

Cattura345345353

 

Le prime ospiti sono delle belle ragazze che suonano strumenti classici facendo le simpatiche. Non sono proprio sicuro ma credo che sia un genere su youporn. Son bravissime comunque anche se continuo a preferire il genere shy. L’esibizione dura solo due minuti per non infastidire gli amanti della musica di merda presenti in platea. Il primo big è Dolcenera. Canzone anonima, non brutta ma anonima. Sul finale regala una smorfia che, non sono un dottore certo, mi è sembrata proprio ernia del disco. Alla Raffaele stasera tocca fare la Fracci. Lei è sempre brava, ci regala delle grasse risate. Clementino non lo conosco, ma proprio mai sentito nominare, e la canzone è una merda in due lingue diverse. È vestito come Jovanotti 30 anni fa, lasciatemi dire che i miei pigiami fanno più progressi della moda rap.

Garko si presenta con lo scherzone sulla musica di entrata, prima o poi capiranno che questa roba non è MAI stata divertente, ci voglio credere. Patti Pravo dovrebbe avere 93 anni se ho fatto bene i calcoli ma mia nipote di due anni le invidia la pelle liscia. Solita canzone nel suo stile, a me arrivano sempre dopo parecchio quindi mi astengo da un giudizio. Conti presenta una maestra di una scuola che ha solo due allievi, intervistare le mie emorroidi vi avrebbe divertito di più credo. Insomma paghiamo un’istruzione privata a due ragazzini che dovranno poi andarsene a lavorare all’estero insultando l’Italia su Facebook.

La Ghenea non la smette di ringraziare tutti e presenta Eros Ramazzotti. Un artista coerente, dopo tanti anni è tornato a Sanremo per rovinare pure le due canzoni che gli erano venute bene. Durante l’intervista lui e Conti si spompinano a vicenda e poi provano a scambiarsi le mogli che è comunque una cosa nuova da fare a Sanremo. La canzone moderna è la solita schifezza ma si bomba una fica, cazzo gliene frega a lui. Si riparte con Valerio Scanu e la sua barbetta hypster. Canzone orribile, testo banale con parole elementari, ci scappa pure il podio. Garko continua a umiliare se stesso impappinandosi per ogni cosa che prova a dire. Vessicchio riceve più applausi della Michelin. La sua canzone è così orecchiabile che non riuscirò a dimenticarla neanche con tre anni di terapia. Indossa però una camicia niente male, tanto brutta che pure l’Oviesse ha diramato un comunicato ufficiale per prenderne le distanze.

Cattura54234234242

 

Ezio Bosso è un musicista internazionale in sedia a rotelle che fatica a parlare ma dice meno stronzate di tutti gli altri. E comunque il testo di Scanu non era certo più comprensibile. Non capisco niente di musica ma le mani sul pianoforte sapeva dove metterle. Parte l’ennesima standing ovation dell’Ariston ma c’è di buono che stavolta 1) è meritata 2) non arriva su chiamata di Conti. Alessio Bernabei è un altro della scuderia Amici, pensate che ha addirittura iniziato la carriera con i Dear Jack. Più sento questi che ricevono i voti nei talenti e più son contento che abbiamo smesso di farci votare. Impeccabile come al solito l’abbigliamenti degli Elio e delle Storie Tese che in 3 minuti ci infilano di tutto nella loro canzone. Non credo che vincerà Sanremo ma sappiamo cosa mettere durante i trenini dei prossimi capodanni. Una militare si bulla con noi di essere all’Antartide a non rompersi i coglioni con Bernabei, poi Conti maltratta i coniugi Salamoia che hanno giusto il tempo per due battute non divertenti.

La Goulding sfoggia un vestito che sembra un cosplay del Quinto Elemento, ha venduto 20 milioni di dischi nel mondo ma ancora la costringono a farsi intervistare da Carlo Conti. Pure stasera la sua bella e ricca figura di merda Carletto l’ha portata a casa. Neffa ricorda vagamente Celentano, vagamente ho detto, se si fosse ricordato di inserire un ritornello sarebbe stato un successo. Alle 23:30 circa arriva la Kidman. A quell’ora probabilmente non mi interesserebbe nemmeno se fosse venuta solo per succhiarmelo, figuriamoci per rispondere alle domande cretine di Conti. Uno strazio di 20 minuti buoni come neanche ai tempi di Baudo.

Cattura42342342

 

Annalisa, e il mio è un commento prettamente tecnico e musicale, c’ha un bel figurino. Noiosetta pure lei, solita robetta senza nulla da raccontare e che dimenticheremo presto. Gli ultimi big sono gli Zero Assoluto che fanno il loro. Che non è moltissimo, ok, ma non è nemmeno qualcosa di cui vergognarsi. Siamo agli sgoccioli quindi parte la qualsiasi per allungarsi di un’altra ora. L’intervista doppia Garko/Frassica non è malaccio, sopratutto per merito di Frassica. Poi Frassica fa l’impegnato e il pezzo è una merda, sopratutto per colpa sua. Tornano le musiciste brave, tanto i big sono finiti e non c’è più pericolo di infettarle. Cannavacciuolo ci parla della cottura dell’uovo sodo e del sale nella pasta ma non perdete tempo a chiedervi che minchia c’azzecca col Festival perchè è una finezza a cui non si sono dedicati nemmeno gli autori. al suo posto poteva venire un coltivatore sardo di zucchine ed era uguale.

Lo spot della nuova trasmissione di Albano e Romina è il segnale di fine testicoli. A rischio Zero Assoluto, Dolcenera, Neffa e Bernabei, stasera sono molto meno soddisfatto dei voti da casa. Domani forse me lo risparmio, ci risentiamo con la quarta serata.

 

3 comments

  1. Ma se non capisci niente di musica, che cosa scrivi?Le mani sul pianoforte sapeva dove metterle….(parlando di Ezio Bosso)
    Poi prendi per il culo ragazze che suonano strumenti classici associandole al porno. Vuoi risultare simpatico? Non ti riesce

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...