Sanremo 2016: Prima Serata

 

Mi piace la schiettezza della RAI. Ti piazzano un’anteprima del festival per farti capire che non c’è proprio speranza di vedere qualcosa di decente e in più riescono a battere il record del mondo di product placement con 763 marche in primo piano in appena due minuti.

sanremo_980x571

 

Una clip riassume tutte le canzoni che hanno vinto Sanremo, ma proprio tutte tutte. L’idea è simpatica ma cominciare alle 23:30 potrebbe creare qualche problema di durata complessiva. Però ho rivisto i Jalisse per la prima volta dal 1997. Una carrellata commovente da Villa a Scanu che descrive bene come il nostro paese sia lentamente andato a signorine. Poi tutti i big cominciano a parlare del cast, delle canzoni, della ricetta della pastiera, della morbidezza di Vernel e dell’erba buona, tutto fa brodo  pur non di farli cominciare a cantare. Scanu sembra più giovane con la barba, l’unico al mondo, dovrebbe consigliarla a Patty Pravo che decisamente non vuole arrendersi alla vecchiaia.

La buona notizia, passa uno spot,  è che da quest’anno sarà più facile pagare per la prima volta il canone RAI, come se le canzoni non fossero una punizione sufficiente. Conti dice due parole sul regolamento e lancia subito Lorenzo Fragola. La canzone è talmente brutta che pure Alba Parietti minaccia di alzarsi e andarsene. Sul palco arriva la Ghenea e ci racconta di come ascoltasse Sanremo in Romania. Lo ascoltano davvero in tutto il mondo eh, ma col cazzo che se lo portano via. Noemi canta sulle borse di una donna, un tema forte secondo solo al dramma dei calzini spaiati. La Ferilli vera costava troppo così hanno preso la Virginia Raffaele che la imita per tutta la serata. Tipo una band che fa solo cover dei Modà. Dalla platea qualcuno prova a far partire i buuuuu contro il cantante dei Dear Jack ma non è razzismo, sperano solo che l’arbitro interrompa la canzone.

elton-john-sanremo-2016-4-600x300

 

Arriva un vecchio di 100 anni sul palco e Conti costringe tutti ad alzarsi in piedi. Ci vuole rispetto, questo è un italiano che almeno una volta ha votato in vita sua. Ora però li fai alzare pure con la Pravo. Il ritmo non è il massimo e Conti è pure costretto ad abbatterlo per farlo scendere. Garko ci racconta una storia triste della madre che non se lo caga, così capisce cosa si prova a farsi schifare da una donna. Caccamo e la Iurato sono molto sanremesi ma continuano tutti a cantare a bassa voce come se si fosse lamentato quello del piano di sotto. Ora dovrei prendere per il culo la Pausini ma mi son ritrovato a canticchiare Strani Amori e La Solitudine, lasciatemi marcire nel mio dolore. Solo che penso a Pippo Baudo ogni volta che la vedo, non riuscirò mai a scinderli. Sul finale si lancia in un paio di slogan sull’amore universale e pare sarà nel prossimo film di Rocky.

Gli Stadio la buttano sui sentimenti tra padre e figlia ma la canzone alterna buoni momenti ad altri meno convincenti. Peccato perché ce n’era. Arisa continua la sua battaglia con la bellezza ma è brava, c’ha la voce, e chi le scrive le canzoni non è la solita scimmia. Il testo è troppo metafisico e mica l’ho capito di cosa parla, ma mi è piaciucchiata. Aldo, Giovanni e Giacomo ci ricordano che non fanno più ridere nessuno da 20 anni con uno sketch del 1994. Sul serio, ho commesso l’errore di ridere con voi  al tempo, credo di aver sofferto abbastanza con i vostri film successivi. Ruggeri è onestissimo, senza strafare porta a casa un brano che ascolteremo parecchio. Poi tornano di nuovo Aldo, Giovanni e Giacomo che raccontano come è nato quello sketch meraviglioso. Gli danno pure un premio ma quello giusto sarebbe stata la Coppa Rimet.

backstage-copertina-sanremo-2016-49-490x275

 

I Blue Vertigo hanno una canzone che potrebbe essere anche buona  se Morgan non la rovinasse con una voce chiaramente devastata dalla tonsillite. Non chiedo molto, datelo solo in pasto a quelli che si è permesso di giudicare in questi anni e siamo pari. Tanti problemi per la droga e poi viene fuori che è la cosa migliore che ha mai fatto nella vita. Mentre Carlo Conti continua ad arrogarsi il diritto di decidere quando il pubblico in sala deve emozionarsi, Elton John spalanca un Your Song in culo ai Giovanardi di tutto il mondo. Conti chiede una minchiata, lui risponde alla minchiata, poi torna a cantare come uno che lo sa fare davvero. Il problema è che per la SIAE lui e Morgan fanno lo stesso mestiere. I coniugi Salamoia due battute carine le indovinano ma non riescono a risparmiarci Rocco Hunt. In realtà è abbastanza orecchiabile e pure più sociale delle altre seppure molto elementare a tratti. Irene Fornaciari sarebbe noiosa pure alle 14:40, figuriamoci alle 24. La sua canzone conta come test del DNA negativo comunque. È una canzone  che parla delle morti in mare, un argomento triste che non meritava di soffrire ulteriormente con questa lagna.

Maìtre Gims è il nuovo Re di Francia. È nero, è incazzato e risolverebbe facile i problemi di razzismo nel mondo dandogli due pizze fortissime. Mi piace parecchio ma io metto su spesso i dischi di Aznavour, ho proprio un debole per il francese cantato. Sembrerebbe arrivata la fine ma c’è ancora tempo per un riassuntone, per il TG, dodici spot, una sceneggiata terrificante per promuovere il nuovo film di Genovese, Rocco Tanica dalla sala stampa (ottimo), un saluto a Radio 2 e pure per un altro medley riassuntivo. Alle 24:30 ero così scosso che avrei rivisto volentieri Aldo, Giovanni e Giacomo. Rischiano le canzoni più brutte ma il regolamento permette di ripescare cani e porci e di ignorare il voto degli italiani, tanto per cambiare.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.