Er Carcio: 19° giornata 2015/16

Premessa d’obbligo che il mondo è pieno di imbecilli: sono un tifoso della Lazio, odio la Roma (calcisticamente parlando) ma ne parlo volentieri perché neanche considero veri tifosi quelli che non gufano ogni allenamento dei cugini (vale per ambo le parti ovviamente). Qui si parla del campionato delle romane, anche sfottendo quando possibile, perché il calcio è la più importante delle cose inutili ma ci si può scherzare sopra. I permalosi si astengano dal leggere, grazie.

19° giornata 2014/15

Fiorentina – Lazio 1-3
Guardavo i giocatori della Lazio esultare tanto a fine partita, sono giovani certo, e pensavo che fosse fuori luogo farlo per una vittoria che forse, e solo forse, permette alla Lazio di tornare a sperare di raggiungere a fine anno quello che doveva essere meno dell’obiettivo stagionale (l’Europa League). Quando l’avversario non si chiude a riccio, questa Lazio (non quella di due mesi fa) riesce pure a non fare pessime figure e le vittorie di Milano e Firenze dimostrano che c’è pure ciccia su cui lavorare in fondo al tunnel. L’anno scorso c’erano anche le idee e la condizione fisica, ma almeno oggi non tutto sembra un disastro senza uscita. Pioli è contento, la Lazio è contenta ma pure alla Roma regaliamo sempre troppi sorrisi per stagione.  

504163860-147-kXRF-U1402074770746EC-620x349@Gazzetta-Web_articolo

 

Roma – Milan 1-1
Qualcuno dovrà dirlo a Garcia che ci sono anche altri risultati oltre al pareggio per 1-1. Il copione è sempre lo stesso: la Roma si porta il vantaggio dallo spogliatoio, per qualche minuto sembra squadra maschia che può annientare qualsiasi avversario senza fatica e poi sparisce. Ma sparisce in modo tanto assurdo e inaspettato che farebbero fatica pure Mulder e Scully. L’allenatore di suo disegna peni in panchina, distribuisce pizzini e poi dice stronzate in conferenza stampa a fine partita, di più non gli riesce e forse non gli è mai riuscito. Questa Roma non andrà in paradiso, ogni giorno che passa è sempre più evidente, e gli avversari si allontano nonostante facciano punti a mozzichi e bocconi. E Dio non voglia che Zidane sia davvero un allenatore di calcio (5-0 al Deportivo ieri) perché nella bacheca giallorossa sembra infinito lo spazio per le figure di merda.

WCENTER 0XQBAJVDEO                Francesco Totti before the Italian Serie A soccer match AS Roma vs AC Milan at Olimpico stadium in Rome, Italy, 9 January 2016.  ANSA/ALESSANDRO DI MEO

 

Roma 34 – Lazio 27

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...