Sanremo 2015: Prima Serata

La Rai ci prova da subito a far desistere la gente, come si fa con le sigarette, e anticipa il Festival con un backstage per mostrare chiaramente che di cantanti veri e belle canzoni non c’è proprio speranza. Conti però c’ha voglia (oppure se già rotto i coglioni) e con grande ritmo presenta subito il primo cantante: Chiara. Le sue doti di attrice le abbiamo conosciute e apprezzate negli spot della Tim, ma la canzone non è terribile. Non proprio bella eh, ma non terribile. La prima valletta di Conti è Emma, solo un espediente per non farla cantare immagino.

medium_150210-214212_to100215spe_1001-770x531

Ma c’è ritmo, ci credo tantissimo, neanche il tempo di ascoltare due aneddoti inutili sulla vita privata di Emma e sul palco arriva Grignani. La canzone è talmente brutta che nemmeno riesco a capire a quale delle sue altre assomiglia. Conti presenta Arisa  e io corro a votare per eliminarla. Poi tocca a Britti. Non indovina una canzone da 15 anni buoni, ma in quanto ad abbronzatura non è secondo a nessuno. Pure lui è stanco ormai, canzone orribile, a Sanremo ci va solo per ricordare a tutti che sa suonare la chitarra.

Poi Conti invita sul palco la famiglia più numerosa d’Italia, credo per invitare la gente a scopare più che a guardare il Festival. 16 figli comunque, complimenti alla madre, un pochino meno a chi gli fornisce i preservativi. E comunque la famiglia Anania è tipo la gente più famosa che sia salita sul palco fino a questo punto.

Malika qualche anno fa era una bella ragazza di talento, ma il talento ce l’ha ancora. Canzone due palle al quadrato, non ho nemmeno capito se parlasse d’amore, di finanza o di disastri ambientali. Mi è piaciuta talmente tanto che Muntari capitano del Milan adesso non mi sembra poi tanto male. Finalmente arriva la valletta figa: Rocio. Bella è bella, peccato parli come una lavandaia degli anni ’50. Insieme annunciano il superospite Tiziano Ferro e poi lanciano la pubblicità per dare tempo a tutti di cambiare canale. Ma va bene qualsiasi cosa eh, non c’è Barbara D’Urso da qualche parte stasera?

Lo slogan di quest’anno è Tutti Amano Sanremo, la stronzata più grossa dopo i ristoranti sono sempre pieni. Tiziano Ferro è vestito caruccio e fa il suo. Oh, canta comunque le sue di canzoni quindi niente robe meravigliose, ma ci prova con il materiale a disposizione. Poi si vergogna di presentare quella nuova, Incanto,  eppure costringe tutti ad ascoltarla lo stesso. Il testo è talmente brutto che tutti capiscono improvvisamente cosa intendesse Tenco.

I Dear Jack pare siano il nuovo fenomeno italiano, l’ultimo credo fossero i Gazzosa quindi non credo ci sia da essere proprio contenti. Sono troppo vecchio per capirli. Oppure sono detestabili e orribili, lascio decidere voi. Tocca a Siani risollevare la serata, ma a me torna voglia pure di Tiziano Ferro. È simpatico eh, per carità, è solo che la sua comicità ha quel retrogusto un po’amaro del 1922. Non si dimentica nulla, dalla Salerno Reggio-Calabria agli italiani all’estero, 15/20 anni fa il suo pezzo mi avrebbe divertito un sacco. Chiude con un ricordo per Pino Daniele che fatto da lui viene una schifezza ma ci si poteva anche aprire il festival invece che parlando delle emozioni sul palco di Fragola.

0a

 

Si riprende con Lara Fabian. Una grande artista se solo qualcuno sapesse chi cazzo è. È tipo Spagna, un po’ meno vecchia e un po’ meno brava. Però non si capisce niente nemmeno quanto canta lei. Rocio si cambia d’abito e Conti la trascina giù dalle scale che c’ha proprio fretta poraccio. Al Bano e Romina ci ricordano perché nessuno si è strappato i capelli quando hanno smesso di cantare insieme. Alla fine Al Bano allunga una A solo per dimostrare che è lui l’uomo di casa.  Poi fa le flessioni per dimostrare che è meglio di tutti noi. Di TUTTI.

Arisa ha un nuovo vestito, ma serve solo a tenerla impegnata di tanto in tanto e per non farla stare sul palco. Poi è il turno di Nek. Lui ha sempre quella faccia sbarazzina da quindicenne che ha fatto sega a scuola e la canzone è pure stile Nek al 100%, quindi tutt’altro che bella. A un certo punto Laura è tornata solo per chiedergli di smetterla di cantare. Il televoto è importante stasera perché dei 20 cantanti in gara solo i primi 16 accederanno alla finale. Praticamente è più facile essere colpiti da un fulmine che non accedere alla finale.

Platinette e Grazia di Michele cantano una roba sull’omosessualità che farebbe felice il miglior Povia.  Uno le prova tutte, magari l’Ebola riesce dove altri hanno fallito. Arriva il medico guarito dalla malattia e spiega perché non è giusto che lui sia un simbolo se ogni giorno tanti poveretti muoiono. Non è giusto ma meglio loro che lui eh, intanto si è fatto curare poi ne parliamo, però gli dispiace. Si mette a parlare di vomito e diarrea e incredibilmente non è il momento peggiore della serata.

Si ritorna alle canzoni, cioè a quelle che almeno  vorrebbero esserlo, con Annalisa.  Dimenticando l’inutile canzone, è davvero bello vederla ballare, una interessante gara di presenza scenica con uno sgabello. Parte un siparietto comico onestamente indefinibile, magari ci tenevano a far capire che se vogliono possono fare anche peggio. Oppure è tipo una minaccia: “Occhio giovani, se ci fate incazzare siamo capaci di fare di peggio”. Tocca a Nesli che ha già pubblicato sei album dice Arisa. Non voglio essere cattivo, giuro, ma se dopo sei album ancora non ti caga nessuno non vantartene, è un aggravante. Canta “dammi l’amore in faccia” ma sarebbe troppo facile tirargli qualsiasi altra cosa. E comunque pure l’amore di plastica di 35 cm fa male se non risparmiate sul prezzo.

8

 

Alle 24:00 arrivano gli Imagine Dragons che alla RAI non gli piace confondere la musica decente con tutto il resto. A me piacciono, per la prossima volta consiglio di far cantare loro fino alle 24 e poi tutti gli altri. Conti annuncia a sorpresa Bublè e il pubblico ci crede (c’hanno la scaletta in mano da 8 anni ma ci credono) e invece è il comico che lo imitava in Made in Sud. Il Tg di 60 secondi porta notizie di guerra ma non è un peggioramento. I 4 meno votati della serata sono Platinette, Lara Fabian, Grignani e Britti. Buonanotte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...