Cartoni della Sfiga: Charlotte

Charlotte
Cartone del 1977, 30 episodi, e trasmesso in Italia la prima volta nel 1980. Charlotte ha 12 anni e vive con il padre nel loro ranch in Canada. La madre l’ha lasciata che aveva pochi mesi ma ora ha finalmente deciso di tornare dalla Francia. Charlotte è contenta, un pochino, ma ha paura che il padre smetta di dedicarle tutte le sue attenzioni. E poi a 14 anni niente motorino, si sa come vanno a finire queste cose.


Il padre va in porto a prendere la donna e ovviamente ti esce la tempesta e lui sparisce. Sandy, uno degli schiavi del ranch, avvisa Charlotte e questa monta subito a cavallo per raggiungere il padre. Ma fugurati se arriva indenne. Una frana, infatti, quasi uccide sia lei che Sandy. Più tardi vede arrivare una barca con uno sconosciuto biondo che le racconta che il padre è stato travolto dalle onde mentre tentava di aiutare quelli della barca della madre che si era incagliata per via della tempesta. Una sfiga a matriosca imperiale proprio. Raggiunge l’ospedale del porto con i naufraghi e trova una donna pazza che grida Char e capisce che potrebbe essere sua madre. Accudisce la donna per tutta la notte e, al suo risveglio, quella ringrazia e se ne va che Charlotte non la conosce proprio.

Charlotte, un po’ scossa ma toccatella, porta tutti gli animali al funerale del padre per farglielo salutare infastidendo i Garson, una famiglia di schiavi che le vuole ciulare la fattoria. La signora Gordon, moglie dell’uomo più ricco del paese, vorrebbe pure adottarla Charlotte ma lei si rifiuta perché vuole occuparsi della fattoria con i suoi grandi amici Garson. Deficiente. Fortunatamente lo sconosciuto biondo si offre di aiutarla. Un giorno, però, le scrive suo nonno che è duca e che la vuole in Francia per educarla da nobile. Scopre che è stato proprio il nonno a separare i suoi genitori perché la madre, Simone, era così povera che non poteva pagare il canone RAI. Altrimenti lo avrebbe fatto eh, giuro. Il nonno le presenta una falsa madre ma lei capisce di essere stata ingannata e, dopo vari tentativi, riesce a fuggire con Louis.

Charlotte7

Louis è malato di tisi ed è grazie alla sua malattia (bucio di fortuna oh) che incontrano per caso Simone senza però riconoscersi. Il nonno riesce a riportare Charlotte a casa e le promette di farle incontrare la madre solo se accetta di restare per sempre a Parigi. Simone e Charlotte si incontrano, poi ciao. Ma il nonno non è così cattivo come sembra, solo pazzo, sadico e bastardo e dopo qualche tempo acconsente di far riunire madre e figlia in Canada. Parenti serpenti continuano a metterle i bastoni tra le ruote ma alla fine riesce a tenersi il ranch e pure la madre. Vabbè, Louis muore nel frattempo, ma ce ne faremo una ragione.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...